venerdì 27 marzo 2009

Poche idee e confuse

A volte il processo di costruzione di idee, di conoscenza, è ricorsivo, circolare, tornano e ritornano continuamente le stesse idee, ma si ha bisogno di ripensarle, riconfermarle, riscoprirle continuamente. Un po' come il percorso della consapevolezza di sé. Si arriva a certe scoperte, si comprendono certe cose, poi è come se una parte di noi se ne dimenticasse, e di nuovo, torniamo a riscoprirle, dicendo - lampadina - "ehi, ma io sono questo, certo!" e non è niente di nuovo, niente che non sapessimo già...
a volte sono parole nuove che affiorano per esprimere gli stessi concetti...
bene, questo è il risultato di due anni di riflessione... dopo un periodo di un surplus di lavoro intellettuale, di lontananza dall'amata baruffa e dalle sue radici naturali... s'ha da termina'.
E comunque ieri, perché troviamo sempre conferme poi, sul cammino, un articolo francese parlava delle "lunette culturelles" (gli occhiali culturali) per guardare il paesaggio...
Sì, ma non parlava del terzo occhio!

Nessun commento: