giovedì 19 marzo 2009

Nantes: primavera, sole, acqua e... non solo

Lo scorso weekend sono andata a Nantes a trovare la Sorella in erasmus. La città è molto bella, nonostante sia abbastanza sconosciuta a noialtri italiani. A Nantes è arrivata la primavera, abbiamo camminato, camminato e camminato, abbiamo mangiato crepes, baguettes e burro salato. Siamo state al mercato, a passeggio lungo il fiume e a una festa erasmus in una casa con giardino. Un fransé ventenne voleva fare un po' il galletto con me poi mi ha chiesto da quanto ero all'università, faceva i conti sgranando gli occhi, così gli ho detto che avevo quasi 29 anni, mi ha guardato come se fossi un aliena e non è riuscito a continuare la conversazione se non dopo 5 minuti. Però ha semsso di fare il personaggio :)

Nantes è stata completamente distrutta dalla guerra, come Pianoro, ma al contrario di Pianoro, è stata ricostruita in un modo abbastanza intelligente. Si respira quell'aria nordica, tutto pulito e ordinato, traffico sopportabile, solo le baguettes sotto l'ascella e le persone che cantano ricordano di essere ancora in un paese "latino".
A Nantes ci sono due fiumi, la Loira e l'Erdre, e lungo i fiumi tanto verde, quasi boschi in piena città. Anche il campus universitario è vicino al fiume in un parco bellissimo. La sorella è visibilmente contenta, superato l'inverno piovoso nei suoi 9 metri quadri allo studentato, con tanto di mini-bagno in stile aereo Ryanair (di plastica), frigo e pentole, tutto in camera (non si può tenere nulla nella cucina comune).

Abbiamo anche preso battelli e visitato un molo dove i residenti addobbano le case e i giardinetti in modo scherzoso e insolito.


e abbiamo visto germani reali, gli uccelli tuffatori col becco rosso che non so come si chiamano, l'airone e... una nutria, che non sapevamo cosa fosse, all'inizio nel dubbio tra un topo enorme o un castoro, un po' improbabile... la Sorella le ha fatto 200 foto, come una giapponese



Nantes ora è capolugo della "Loira atlantica" ma nel passato è stata capoluogo della Bretagna. Si sentono ancora un po' bretoni, si vedono i segni, a scopo turistico o meno, di questa identità. Anche la Sorella si sente un po' bretone ormai. Non avendo ancora visitato la Bretagna come da progetti ha imparato a memoria la guida Lonely-Planet, disquisisce di cose di Bretagna e beve sidro di mele. Siamo andate anche a vedere l'Oceano, a Pornic. Questo paesino, oggi prevalentemente dedito al turismo balneare, è stato strappato ai vichinghi intorno al 900 d.C. dai bretoni, appunto. La mia fantasia viaggia alle battaglie per difendere un promontorio di roccia, a questi antichi marinai del Nord con la pelle cotta dal sole, la pesca, il sale... uno al mercato ci ha addirittura fatto credere di aver trovato una ricetta vichinga per un sale speziato in cui c'è anche il curry... i vichinghi conoscevano dunque il curry?
Be', a Pornic ci siamo bagnate i piedi nell'Atlantico gelato e abbiamo mangiato moules frites, cozze e patatine fritte, che ci hanno servito in un piatto a forma di conchiglia. Così abbiamo festeggiato questo incontro.

Ciao Sorella!

P.S. In tutti i paesi che hanno reminiscenze celtiche si fa un gran parlare (e vendere) di simboli, leggende, in alcune terre rimane ancora qualcosa delle lingue...
Com'è che questa moda prende così tanto (a me in particolare), per non parlare delle feste celtiche che anche in Italia sono ormai sovraffollate... O magari questi souvenirs e simboli fanno presa su di me, più che altro... Ma mi domando, abbbiamo dunque ancora qualche briciola di quello spirito combattivo eppure profondamente in armonia con la Natura? Può una civiltà, slegata dalle regole della vita terrestre, cancellare così, in qualche secolo, briciola nello scorrere del tempo, una cultura profondamente coerente con la Natura? Esiste una Natura che mantiene in noi acceso questo lumicino, che magari compensiamo consumisticamente acquistando un orecchino, o è dunque tutta Cultura, e quindi intercambiabile? Voi sapete già la mia risposta, quindi se vi piace (s'il vous plait) ditemi la vostra!

3 commenti:

La Gaspara Stampa ha detto...

Non so se resta qualcosa o se tutto viene cancellato dall'ondata consumistica. Però è sicuro che in bretagna, che è una regione prevalentemente rurale, con tradizioni popolari molto forti e molto sentite anche da chi ha abbandonato quella terra da molto tempo, le persone spesso riconoscono ancora il valore del contatto con la natura. Mezzi contadini e mezzi marinai, con un'identità culturale forte, abitanti di una terra fredda e umida, sono spesso socievoli e calorosi, perlomeno i più socievoli e calorosi tra i francesi.
I francesi -in particolare i parigini- li disprezzano e ne parlano come dei contadini zoticoni di francia (solo i corsi fanno a gara con i bretoni in questo senso). La distanza fra i due mondi è evidente: parigini modaioli e centro-centrici che vivono in gallerie sotterranee illuminate al neon e bretoni socievoli e indipendentisti sempre pronti offrire un bicchiere di sidro fatto in casa e ad incorciare le dita nei fest-noz (feste bretoni tradizionali frequentate anche dai giovani.. un po' come la pizzica in italia).
Ora non so se questa cultura del rispetto della natura e della convivialità si trasmetta dall'epoca dei celti, ma certo è che è davvero davvero ben radicata al punto che anche chi è partito (e molti bretoni partono perchè hanno un animo marinaio e viaggiatore) porta in sè qualcosa di questo spirito.
Mi scuso per tutte le virgole e i trattini che ho messo ma la Sorella non sa più scrivere da quando è in francia e da un mese non studia quasi perchè ci sono scioperi.

La Gaspara Stampa ha detto...

per chi capisce un po' di francese quest video sui bretoni fa sbellicare..
http://www.nauticofilm.com/video/162-barravellesurfenbretagne.html

kicka ha detto...

Ciao!
avevo consultato un po' il sito di Trivago per trovare informazioni su Nantes, poi mi sono lanciata su google e ho trovato il tuo post. Nantes sembra carina, però hai ragione a dire che a noi italiani è ancora molto sconsciuto...stavo pensando a farci un salto...ma mi piacerebbe avere un idea in testa su cosa andare a vedere...e in pochi giorni anche!
ciaoooo
Federica