giovedì 26 febbraio 2009

Ris-post. Parole vanno e vengono... e sempre al posto giusto

Questo post riprende e risponde al precedente, 25.02 "Pesce fuor d'acqua"...
rispetto alla follia della folla della metropolitana all'ora di punta...
La risposta è arrivata da sola, come spesso succede
<<Non prendete la metropolitana, prendete il potere!>>

Ho trovato le parole raccolte da una attivista silenziosa e sognatrice che, per quanto ho visto e sentito io, comunica perché sente l'esigenza di farlo, senza promuovere nessuna causa in particolare, ma un po' tutte le battaglie attual, e, per quel che ho visto, senza parlare, come l'etichetta della metropoli contemporanea richiede... poi immagino che su richiesta lo faccia volentieri... io ieri non me lo sono concessa, anche perché il francese veramente mi stanca...

E così
sempre parole viaggiano senza tregua
e noi le prendiamo e le cambiamo di posto, le scambiamo a destra a manca,
e chiamiamo il filo che le unisce
esclusivamente soggettivo
senso.

Meno poetici i 25 minuti di fila per entrare alla biblioteca del Centre Pompidou...
Ma non è sempre così, no... è che qui è periodo di esami...
Che fortuna!

Nessun commento: